Spiare WhatsApp: metodi per guardare le chat altrui e consigli per metterle in sicurezza

Oggi è possibile spiare le chat di WhatsApp sfruttando alcuni punti di debolezza che permettono di aggirare la crittografia end-to-end usata per proteggere i messaggi. All’interno di questa guida troverai le tecniche (lecite e illecite) utilizzate sia da hacker che da partner gelosi per spiare WhatsApp più alcuni suggerimenti utili per rendere le tue conversazioni sicure. 

Mi presento: sono Francesco Caruso e da diversi anni mi occupo di app di messaggistica e sicurezza informatica. Metto a disposizione di tutti consigli utili e “trucchetti” per rendere il proprio cellulare un oggetto più sicuro.

Voglio essere onesto al 100% con te e non farti perdere del tempo prezioso: purtroppo spiare WhatsApp è possibile.

Malintenzionati e hacker hanno a loro disposizione alcuni stratagemmi per violare le conversazioni altrui. Nella maggior parte dei casi si sfrutta l’errore umano che continua ad essere la vulnerabilità più facile da attaccare.

A differenza degli altri tutorial che puoi trovare su internet io ti condividerò SOLO LE TECNICHE REALMENTE UTILIZZATE. Solo così potrai avere una panoramica completa ed essere sicuro di proteggerti nel modo migliore possibile.

Per fartela breve ZERO FUFFA!

Ah, ti avverto: la guida è piuttosto lunga perché ti spiegherò tutto nel dettaglio, per cui mettiti a tuo agio e prenditi tutto il tempo che ti serve.

Iniziamo!

Come è possibile spiare le conversazioni WhatsApp aggirando la crittografia end-to-end?

Prima di addentrarci vorrei chiarire una cosa molto importante.

WhatsApp è un applicazione di messaggistica istantanea estremamente sicura. I suoi messaggi sono protetti da crittografia end-to-end.

Ti spiego di cosa si tratta.

Questo vuol dire che solo il mittente e il destinatario possono “visualizzare” il messaggio come testo (per come lo vediamo tutti noi sul cellulare). Infatti se noti a inizio chat o se qualcuno cambia il numero di telefono appare questa scritta:

crittografia end-to-end whatsapp

Se qualcuno prova a mettersi “in mezzo” e riesce ad accedere al messaggio da un’altro dispositivo, visualizzerà solo codici alfanumerici senza senso.

Ma allora come è possibile spiare le conversazioni WhatsApp?

Ti condivido subito i metodi più utilizzati da cyber criminali e spioni.

Spiare WhatsApp con le app spia

La tecnica più diffusa (in quanto molto semplice da mettere in pratica) in assoluto prevede l’utilizzo di software spia, i cosiddetti “spyware”.

Esistono decine di app alla portata di chiunque e a prezzi accessibili (parliamo di circa 15euro al mese), con le quali è possibile spiare non solo WhatsApp ma tutto quello che accade nello smartphone di un’altra persona.

Si tratta di app che vengono vendute lecitamente, in quanto software di Parental Control, e dunque con lo scopo dichiarato di “controllare lo smartphone dei propri figli”.

Naturalmente non è così!

In realtà sono app la cui installazione nel dispositivo di una persona (senza la sua autorizzazione) rappresenta un vero e proprio reato. La legge specifica per questi reati si trova nell’articolo 617 del Codice Penale.

Come ti dicevo di questi programmi ne esistono a decine. Ti basterà fare una ricerca su Google per essere tempestato di pubblicità.

Alcune di queste app sono finalizzate al solo spionaggio di WhatsApp, ma la maggior parte di esse sono in grado di vedere e inviare all’esterno tutto ciò che l’utente fa con il proprio smartphone.

Ad oggi, per poter essere installate è necessario l’accesso fisico al dispositivo da spiare.

Ti mostro nel dettaglio come vengono installati questi software, così potrai prestare la massima attenzione e difenderti nel modo più appropriato.

Come vengono installate le app spia per WhatsApp

Da quando è stata inventata la Verifica a 2 Fattori l’unico modo per installare queste app è avendo accesso – anche per una manciata di secondi – al cellulare della vittima.

Sono app estremamente semplici da installare. La procedura è quasi sempre la stessa:

  1. il malintenzionato (magari un familiare, il partner geloso o un hacker) acquista per pochissimi euro il software spia
  2. riceve una mail con le credenziali del pannello di controllo dal quale potrà vedere ciò che accade sul cellulare spiato + le istruzioni video di installazione
  3. accede (solitamente tramite una scusa) al cellulare della povera vittima e installa l’app
  4. l’app esporta il contenuto del cellulare – incluse le conversazioni WhatsApp – nel pannello di controllo al quale il malintenzionato può accedere da qualsiasi parte in modo assolutamente indisturbato

Hai visto che semplice?

Proprio per questo non devi mai prestare il tuo cellulare a nessuno, neanche alla persona di cui ti fidi di più.

Inoltre queste app sono invisibili e non lascialo alcuna traccia sul cellulare. Ad esempio non hanno un’icona in home page o non alterano il consumo della batteria.

Le più famose sono mSpy (di cui ti lascio una guida dettagliata se vuoi capirne meglio le funzioni) e Eyezy (anche in questo caso ti lascio una guida dettagliata sul suo funzionamento). Altre app le puoi trovare all’interno di questa lista.

Ti mostro una schermata di quello che possono fare queste app, così da darti un’idea:

Spiare le conversazioni WhatsApp

Vale la pena di ricordarlo – tutto questo è assolutamente illegale e rappresenta un reato.

L’uso di questi software spia, che sono definiti “captatori informatici” è regolamentato dalla legge ed è permesso solo alla polizia, su mandato della magistratura.

Alcune considerazioni: Abbiamo visto che la maggior vulnerabilità è rappresentata dal fattore umano. Se non dai il tuo cellulare a nessuno porterai a zero le possibilità che tu venga spiato tramite app spia! Sempre in campana e non prestare mai il tuo cellulare senza avercelo bene a vista.

Spiare WhatsApp tramite WhatsApp Web

Un altro metodo molto utilizzato – soprattutto da persone vicine e colleghi – è quello che prevede l’utilizzo di WhatsApp Web. Anche in questo caso il malintenzionato sfrutta la vulnerabilità dell’essere umano.

Ti spiego meglio.

Ormai da diverso tempo WhatsApp ha introdotto una funzionalità molto utile chiamata Multi-Dispositivo.

Cerco di rendertela molto semplice: la funzione Multi-Dispositivo di WhatsApp ti consente di accedere da altri dispositivi (fino ad un massimo di 4) all’account WhatsApp senza che il cellulare dove è installato sia nei paraggi o connesso alla stessa linea internet.

Ti faccio un esempio pratico di un suo modo di utilizzo: sei in ufficio e hai dimenticato il cellulare a casa. Con Multi-Dispositivo ti puoi connettere al tuo account WhatsApp dal computer dell’ufficio senza avere il tuo cellulare con te.

Ora voglio mostrarti come malintenzionati e criminali informatici sfruttano questa funzione per clonare WhatsApp e leggere le tue conversazioni.

La prima cosa che fanno è entrare in possesso del cellulare della persona che vogliono spiare per qualche istante. Solitamente sono persone molto vicine, di cui la vittima si fida. Il più delle volte utilizzano la scusa della telefonata o di voler vedere qualche foto.

Successivamente aprono WhatsApp sullo smartphone e – da Impostazioni alla voce “Dispositivi Collegati” – inquadrano il QR-Code che compare sullo schermo del loro computer (o del loro cellulare) in cui c’è aperto WhatsApp Web.

A questo punto sul loro computer (o sul cellulare) avranno una copia di WhatsApp. Ciò significa che tutte le conversazioni WhatsApp saranno sincronizzate.

Ti mostro uno screenshot:

Schermata WhatsApp Web

Il rischio di essere spiati medita queste tecnica può essere scongiurato semplicemente evitando di lasciare lo smartphone incustodito e senza la password di blocco.

L’impostazione di una password di blocco sul nostro smartphone è – come già detto – una regola tanto semplice quanto indispensabile.

Infine, se abbiamo il sospetto che qualcuno è riuscito a collegare il suo computer o il suo cellulare al nostro WhatsApp, basta accedere a WhatsApp, andare su Impostazioni e poi su Dispositivi collegati: ci verranno mostrati quali sono i dispositivi connessi. Qualora non fossi stato tu a connetterli, dovremo semplicemente toccare l’opzione Disconnetti da tutti i dispositivi (su iOS) oppure Disconnettiti da tutti i computer (su Android).

Ingegneria sociale

L’ingegneria sociale è una delle tecniche primarie impiegate da hacker o persone a noi vicine per sbirciare nelle chat WhatsApp altrui.

L’ingegneria sociale è una pratica che coinvolge la manipolazione psicologica delle persone per ottenere informazioni riservate come ad esempio password o dati di accesso.

Questo approccio sfrutta la naturale propensione umana a fidarsi degli altri e a rispondere positivamente a certi stimoli sociali. Gli “ingegneri sociali” cercano di manipolare le persone piuttosto che i computer, sfruttando la componente umana della sicurezza informatica.

Ad esempio, un partner potrebbe fingere di avere il telefono scarico e chiedere in prestito quello del compagno/a. I 3/4 minuti tipici di una chiamata sono più che sufficiente per dare una lettura ai messaggi WhatsApp.

Pur essendo un metodo semplice, l’ingegneria sociale non è sostenibile a lungo termine, ma rimane comune negli attacchi ai profili Instagram.

Per proteggersi, ti consiglio di non lasciare mai il proprio cellulare incustodito.

Clonare WhatsApp: Domande E Risposte

Se sei arrivato a questo punto della guida è possibile che ti siano venute in mente alcune domande.

Ho pensato di raggruppare e di dare risposta alle domande più frequenti in modo da eliminare ogni tuo dubbio o perplessità.

Vai con la prima!

E’ possibile spiare WhatsApp a distanza senza il telefono della vittima?

La risposta è no!

Per fortuna non esiste nessuna app o software in grado di installarsi da remoto e accedere alle conversazioni WhatsApp di qualcuno. Per cui stai tranquillo/a.

Seconda domanda!

Spiare WhatsApp con Bluetooth, è possibile?

Anche in questo caso la risposta è no.

Fino a qualche anno fa (parlo del 2018) era possibile, e per farlo serviva un PC con Kali Linux come sistema operativo, un software chiamato btscanner – che serviva per effettuare la scansione dei dispositivi vulnerabili – e del tool Bluebugger, che permetteva di “clonare” i telefonini intercettati.

Oggi tutto questo non è più possibile, per fortuna.

E’ legale spiare WhatsApp?

L’ho già ripetuto più volte all’interno di questo tutorial, mo voglio essere sicuro che tu lo abbia ben chiaro: spiare WhatsApp di qualcuno, a sua insaputa, è una pratica illegale in quanto lesivo del diritto alla privacy.

L’art. 617 bis del codice penale, sottolinea che:

Chiunque, fuori dei casi consentiti dalla legge, installa apparati, strumenti, parti di apparati o di strumenti al fine di intercettare od impedire comunicazioni o conversazioni telegrafiche o telefoniche tra altre persone è punito con la reclusione da uno a quattro anni.

Sicurezza WhatsApp: come difendersi da chi vuole spiare le chat

Inizio col dirti che WhatsApp è molto sicura come applicazione, come detto a inizio guida utilizza la crittografia End-to-end.

Ora, se tu pensi che qualcuno ti stia spiando le conversazioni su WhatsApp hai alcune carte da giocarti per difenderti:

  1. ripristinare il telefono – so che può sembrare una mossa un pò drastica, ma è efficace. In questo modo se c’è uno spyware installato lo elimini.
  2. attivare la verifica a due fattori su WhatsApp – è un’opzione disponibile da un paio di anni, devi andare su menu Impostazioni alla voce Verifica in due passaggi e attivarla.
  3. ripristinare il proprio account WhatsApp tramite la pagina di assistenza e recupero account.
  4. utilizzare una VPN – ovvero un’app che blocca qualsiasi tipo di app spia e ti rende invisibile su internet. Ho scritto una guida a tal proposito che ti invito a leggere. Ti svelo pure quali sono le migliori VPN in Italia.
  5. installare un antivirus – un’altra soluzione per prevenire che qualcuno si intrufoli nel tuo account WhatsApp è installare un’antivirus. Sono software leggerissimi che non gravano sulla durata della batteria o sulle prestazioni del tuo smartphone e prevengono dalla maggior parte di attacchi informatici. In questa guida ho selezionati i migliori antivirus per Android.

Se vuoi approfondire questo argomento ti lascio il link al mio articolo su come capire se il tuo WhatsApp è spiato o meno. Buona lettura 🤓

Conclusione

Wowww! Siamo arrivati alla fine.

Spero di non averti annoiato e mi auguro che le informazioni contenute all’interno di questa guida ti siano tornate utili. L’averti dato una mano d’aiuto per me è motivo di grande soddisfazione.

Prima di lasciati ti faccio un brevissimo riepilogo. Le informazioni che ti ho condiviso sono tante e può esserti sfuggito qualcosa.

I due metodi più utilizzati da impostori, partner gelosi, criminali ecc. per spiare WhatsApp sono:

  1. Le app spia: subdole perché invisibili e alla portata di tutti. Oltre a WhatsApp riescono a captare tutto quello che fai con il cellulare.
  2. WhatsApp Web.
  3. Ingegneria sociale.

Se hai dubbi commenta il post o contattami inviando una mail. Risponderò nel minor tempo possibile.

Un abbraccio e alla prossima,

Francesco

Disclaimer: alcuni dei link contenuti in questa guida sono link di affiliazione. Ciò significa che se fai clic sul link e acquisti un prodotto riceverò una piccola commissione senza alcun costo aggiuntivo per te.
Francesco Caruso

Sono Francesco Caruso e da più di 10 anni mi occupo di social media e sicurezza informatica. Metto a disposizione di tutti, attraverso le mie guide, ciò che ho imparato con il duro lavoro e l’esperienza.

Lascia un commento